Montecatini: un gioiello a rischio?

Montecatini Terme è la perla preziosa di un ricco territorio che si estende “Da Leonardo a Pinocchio”, ovvero dalle colline di Vinci fino alle ripide pendici di Collodi. Montecatini, per chi non lo sapesse, è la città delle donne, nonché la sede di Miss Italia.

Questa città vanta secoli di storia. Oggi è un connubio di antico e recente, identificabili rispettivamente con Montecatini Alto, sede dell’antico castello, vero centro storico, e con la zona dei bagni termali.

Le fasi cruciali della storia di Montecatini si possono dividere in tre partiIl primo periodo storico, diciamo la fase di sviluppo, inizia attorno al 1000 e si conclude nel 1554, anno in cui il castello di Montecatini Alto venne distrutto da Cosimo I de Medici. A testimonianza dell’importanza rivestita dal castello ricordiamo che il bastione arrivò ad essere cinto da 2 chilometri di mura, 2 fortezze e 25 torri. La seconda fase, che si può far partire dal 1773, è segnata dalle grandi riforme del Granduca Leopoldo, vero rifondatore dell’attuale Montecatini Terme. In un’epoca in cui cresceva l’interesse dell’alta società per la cura ed il benessere del corpo, sorse la moderna Montecatini termale… Grazie a valenti idraulici che sfruttarono le fonti idrologiche locali, furono avviate le costruzioni del Bagno Regio (1773), delle Terme Leopoldine (1779) e del Tettuccio (1779). Le proprietà benefiche di queste acque in vero erano conosciute già nel Medioevo ed anche in epoca romana le acque paludose della zona erano famose per essere curative, ma fu dal 700 che vennero valorizzate a pieno. L’ultimo periodo di riferimento della storia di Montecatini è infine quello che coincide coll’era Liberty, a inizio del 20° secolo, con la nascita del comune di Bagni di Montecatini nel 1905 e la successiva ed attuale denominazione della città in Montecatini Terme.

Ma quand’è che Montecatini è diventata così famosa? Difficile a dirsi! Quel che è certo è che dal XIX° secolo la città diventò un importante capitale della “Belle Epoque”, come testimoniato da locali storici come la Sala del Caffè delle Terme Tettuccio o il Circolo dei Forestieri nella cornice del gioiello Liberty delle Terme Tamerici, frequentati da Re e Regine, e poi Presidenti della Repubblica o attori come Audrey Hepburn, Grace Kelly, Sophia Loren e George Clooney. Qui era di casa anche Giuseppe Verdi, che proprio da queste parti incontrò Boito e Ricordi e dove – tra un bagno e l’altro – compose il terzo atto di Otello.

Cosa rende uniche le acque di Montecatini Terme? Innanzitutto le terme si suddividono in acque forti (Leopoldina), medie (Regina) e deboli (Tettuccio e Rinfresco). Queste acque, ricche di sali minerali e proveniente da falde profonde fino a 80 metri, rafforzano il sistema immunitario, contrastano i problemi di circolazione; sono anche ideali per alleviare patologie respiratorie, cardiovascolari, reumatismi, e dermatiti. Non è un caso se dal 2021 Montecatini è entrata a far parte della lista del Patrimonio Mondiale UNESCO, in quanto sede di una delle Grandi Città Termali d’Europa. 

Per chi volesse fare un giro romantico consiglio di prendete la funicolare per il Castello di Montecatini Alto, due trenini di ferro dipinto di rosso dal simpatico nome “Gigio e Gigia”, la vettura ancora funzionante più vecchia al mondo, in perfetto stile liberty e mai sostituita dal 1898. Altro itinerario romantico è la ripida Via Amore, che conduce verso Montecatini Alto e ‘Piazzetta Giusti,’ vi sembrerà di stare a Capri!

Sono appena tornato da Montecatini e devo dire che il contrasto di stili diversi, tra Medioevo e Belle Epoque, mi ha conquistato, era da tanto che non ci andavo e mi sono veramente divertito. Ci tornerò di sicuro! Che poi tra l’altro ho fatto due bagni alle terme dopo aver girato il video e m’hanno rimesso al mondo! Il mal di schiena è passato!